Senza categoria

OLD I buoni propositi del Grafico VS. 2018

1 – LA DIETA DEI FONTS
Cercare di non usare sempre lo stesso font; alias: “Helvetica”. “Free-Fonts” e derivati non valgono.
2 – ESSERE PIU’ BUONA TUTTO L’ANNO, NON SOLO A NATALE! / SELF-CARE
Investire più tempo nella meditazione, i benefici che ne conseguiranno saranno: concentrazione, pace dei sensi e soprattutto più pazienza.
3 – IMPARARE NUOVE DISCIPLINE
Imparare a fare le magie! Così che possa anch’io migliorare la qualità delle immagini che mandano i clienti! “La moltiplicazione della grana e dei pixel”.
4 – ALLENAMENTO
Meno bacchetta magica e più penna tracciato, ( ma solo se strettamente necessario! )
5 – RIATTIVARE L’AUDIO
Dare più ascolto ai clienti: orientarmi direttamente su ciò che piace a loro mi farà risparmiare minuti preziosi. ( Ma il più spesso delle volte è bene fare, in ogni caso, varie proposte per la quale il cliente avrà la possibilità di scegliere ).­­
6 – MIGLIORARE LE MIE COMPETENZE
Imparare ad usare un nuovo programma, o migliorare la mia conoscenza negli strumenti che già ho a disposizione.
7 – DEDICARMI ALLA LETTURA
Rileggere quello che scrivo, se non due, tre volte…
8 – BE POSITIVE
Non reputare i lavori come se fossero figli miei. Quindi essere più propositiva nei confronti di critiche ed anche verso commissioni grafiche che apparentemente credo non possano piacermi. L’importante è ricordarsi che non si smette mai di imparare.
9 – NON AVERE PAURA DI OSARE
Osare di più con combinazioni di font e/o colori fuori dalla mia comfort zone.
10 – “LESS IS MORE”
Si essere sempre alla ricerca della perfezione, ma con cautela. A volte dovrei essere meno meticolosa, perché nessun post farà la rivoluzione della storia dell’arte, quindi quando necessario scegliere un approccio più semplice, potrebbe portarmi ad una soluzione più efficace.
11 –  ESSERE PREVIDENTI
Non fare più buoni propositi per l’anno seguente!
FRANCESCA BENETELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri la Preanalisi: il primo passo per capire se il metodo Adam può essere utile nella tua realtà.