Il mix giusto tra Search e Social

Le tre fasi del mix Search /  Social

Sai come funzionano sia Facebook che Google Ads, esploriamo alcune idee su come puoi usarle insieme.

1. Costruisci il tuo marchio con Facebook, chiudi con Google
Come abbiamo visto finora, le pubblicità su Facebook sono un modo fenomenale per costruire la consapevolezza del marchio e mettere il tuo prodotto di fronte a un nuovo pubblico.Una campagna mirata correttamente ti aiuterà a riscaldare un pubblico freddo e, alla fine, quegli utenti inizieranno a cercare il tuo marchio su Google.
E c’è una risposta piuttosto facile sul motivo per cui ciò si verifica.La maggior parte degli utenti su Facebook che vedono i tuoi annunci, se mirati correttamente, avranno già un interesse preesistente nella tua offerta. Semplicemente non sanno del tuo marchio.Quindi quando vedono il tuo annuncio su Facebook, scoprono qual è il tuo marchio e vogliono saperne di più, passano naturalmente a Google per condurre una piccola ricerca.Questo è fantastico per alcune ragioni. Per prima cosa, invece di fare clic sul tuo annuncio Facebook e spuntare parte del tuo budget pubblicitario, conducono invece una ricerca organica. Ciò significa che il tuo annuncio continua a funzionare su base continuativa.
La chiave qui è usare il tuo marchio come parola chiave nei tuoi annunci Google e utilizzare messaggi simili su entrambi i canali. In questo modo, quando qualcuno visualizza il tuo secondo annuncio Google dopo l’annuncio di Facebook, sa dove fare clic.Anche se può sembrare controintuitivo pubblicare annunci per il tuo marchio, è comunque una buona pratica da fare comunque. Puoi quasi garantire che la tua concorrenza userà il tuo brand come parola chiave, quindi se vuoi rimanere competitivo devi pubblicizzare sotto la parola chiave del tuo marchio.

2. Scegli come target il pubblico di Facebook con i dati degli annunci di Google

Se utilizzi annunci Facebook, probabilmente hai impostato Pixel per aiutarti a tenere traccia del comportamento degli utenti e raccogliere più dati.Ma non è l’unico modo per ampliare i tuoi orizzonti quando si tratta di dati degli utenti.Ci sono alcuni punti dati utili sugli annunci di Google che puoi trasferire per migliorare il targeting sui tuoi annunci Facebook:

  1. Genere
  2. Reddito familiare
  3. Tempo di fidanzamento
  4. Retargeting per il pubblico

Ognuno dei punti precedenti (e molti altri) può aiutarti a mettere a punto i tuoi annunci e mettere il tuo marchio sul radar di un potenziale cliente.Con un targeting migliore, a lungo termine otterrai di più dal tuo budget pubblicitario.

3. Trova segmenti di pubblico simili su Facebook per potenziare entrambe le piattaforme

E se sei curioso, puoi effettivamente implementare l’idea inversa e utilizzare i dati di Facebook per aiutarti a migliorare il tuo pubblico di Google.Ecco cosa cercare nella direzione opposta quindi.Uno dei maggiori punti di forza di Facebook è la loro caratteristica di pubblico simile a un sosia :
Se decidi di fare pubblicità su Facebook, ti ​​consigliamo vivamente di approfondire gli annunci lookali e di usarli il più possibile per aiutare il tuo marchio.
Ma possiamo coprire alcune delle basi qui.
La migliore pratica in questo caso è quella di prendere i dati dai tuoi clienti ideali e usarli come base per il tuo pubblico di sosia.
In questo modo trovi clienti simili su Facebook che spenderanno più soldi per la tua azienda.Ma il vero trucco che ti aiuterà a espandere davvero la capacità di tutti i tuoi annunci è di utilizzare i dati in modo intercambiabile tra Google e Facebook.O in altre parole, prendi il tuo lookalike di Facebook e usalo su Google. Ciò aiuterà i tuoi annunci di retargeting e aumenterà la consapevolezza del marchio molto di più che basarsi semplicemente sui dati di una singola piattaforma.Dovrai comunque fare attenzione a evitare un pubblico pesantemente sovrapposto, ma questo può ancora essere un grande hack multipiattaforma.Utilizza i dati di entrambe le piattaforme in modo intercambiabile dove puoi, ma tieni presente che l’intento su ciascuna piattaforma è diverso. Dovrai comunque testare per trovare ciò che funziona meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri la Preanalisi: il primo passo per capire se il metodo Adam può essere utile nella tua realtà.