Blog

IL MARKETING, QUELLO IN “REAL TIME”

  |   Social Marketing

Hai già sentito parlare di “instant” o “real time” marketing?
Ecco alcuni esempi.

Si tratta di un ramo del digital marketing abbastanza recente, nato dalle attività di social media marketing di brand che, in attento ascolto delle conversazioni in rete, sfruttano lo scalpore provocato dai trend più recenti (o da eventi mediatici, sportivi, ecc) associando ad essi il proprio brand con un tocco creativo e ironico, qualche volta dissacrante.

Ovviamente “carpe diem” è la vera parola d’ordine.

Brand come Ceres, Taffo, Kinder Bueno, IKEA hanno spesso utilizzato l’instant marketing come un vero e proprio asso nella manica per proporsi agli utenti con una veste inconsueta, nuova e scherzosa.

Un modo diretto per parlare con loro di qualcosa che gli sta a cuore o che gli ha colpiti proprio in quell’esatto momento.

Una moda che contagia e che sicuramente apre nuove vie di comunicazione.

Secondo Altimeter, una società di consulenza americana, per definire le tipologie di instant marketing bisogna incrociare la prevedibilità dell’evento oggetto dell’attività di marketing con la reattività del brand.

Da qui risulta che esistono, sostanzialmente, tre tipologie di instant marketing.
Quello riferito a:

  • Eventi Non Programmati Né Programmabili (che richiedono una risposta immediata);
  • Eventi Programmati da sfruttare in maniera proattiva;
  • Eventi Pianificabili o facilmente Prevedibili (lanci di nuovi prodotti, ricorrenze, ecc.)

Si inserisce in quest’ultima area il lavoro che abbiamo fatto questo mese per i nostri clienti, sfruttando ricorrenze come la Festa della Donna, la Festa di San Patrizio, la Festa del Papà, il Primo Giorno di Primavera, ecc.

Prendendo spunto da una particolare festività, abbiamo potuto parlare dei prodotti dei nostri clienti con un sentiment diverso; con un tono più confidenziale e meno commerciale.

Vale la pena di farlo?

Da alcune interviste relative ad un’indagine condotta da Golin Harris è emerso che le attività di instant marketing aumentano in modo positivo la percezione del brand (del prodotto, servizio, ecc.) creando maggior interesse e considerazione nei suoi confronti, ma non solo.

Fonte: Golin Harris

 

La risposta è positiva su tutti i fronti, senza dimenticare quello dell’incremento delle vendite e del passaparola, fattori di primaria importanza quando si desidera emergere nel mercato dell’incremento delle vendite online.

Sofia Andreotti