Blog

PIZZA BOX PARTY…Provali tutti!

  |   E-commerce, SEM | Search Engine Marketing, Social Marketing, Stories | Referenze

La strategia che parte dal web marketing per riformulare la vendita del prodotto.

<< Il progetto “Pizza Box Party” è un’operazione di social e search marketing che dà la possibilità a nuovi clienti, che non conoscono ODF Shop e nello specifico i prodotti Dove Vuoi, di provare le scatole per il trasporto della pizza ad un prezzo fisso accessibile senza pensieri. >>

Di cosa stiamo parlando?

Oggi vogliamo raccontarvi una strategia di gestione Adwords  e di strategia sui social visibilità di web marketing che abbiamo attuato per il nostro cliente ODFShop con il fine di permettere a nuovi potenziali clienti, specialmente pizzaioli, di acquistare i prodotti “Dove Vuoi” (scatole per il trasporto della pizza o alimenti) con una formula più semplice.

Tutti sappiamo quanto possa essere difficile e costoso acquisire nuovi clienti online. La difficoltà aumenta nel momento in cui il prodotto che si vende ha bisogno di essere provato e testato con mano, per avere poi un cliente soddisfatto e fidelizzato nel tempo.

Le scatole per la pizza sono per i pizzaioli una parte fondamentale per la loro attività perché determinano la qualità del mantenimento del gusto della pizza e fungono da biglietto da visita. Inoltre, è da considerare come una volta scelto un fornitore è difficile poi cambiarlo.

Cosa potrebbe spingere un pizzaiolo a dover entrare nel sito ODF Shop e comprare le scatole “Dove Vuoi”?

Le scatole pizza Dove Vuoi sono tecnicamente valide perché tecnologicamente avanzate avendo l’interno in PET ma fino a che non si provano, è difficile immaginare a pieno il loro potenziale. Oltre tutte le strategie Social, Adwords e di Content abbiamo pensato a come il prodotto potesse essere venduto in una formula differente.

Nel sito ODFShop c’è la possibilità di acquistare la quantità di cartoni per la pizza che si desidera, quindi non vi sono limiti “commerciali” con un minimo d’ordine. Un cliente che per la prima volta atterra sul sito ha la possibilità di fare un acquisto di poche scatole per poterle provare.

C’è da considerare però che lasciare la libertà di azione agli utenti, può semplificare come non convincere a pieno gli utenti nella scelta di provare qualcosa di nuovo che non sanno se sarà adatto alla loro attività.

Progetto Pizza Box Party

L’utente online ha bisogno di essere guidato. Da qui nasce la promozione Pizza Box Party con cui si permette con un prezzo fisso di 9,99€ di poter ricevere 4 formati di scatole diverse per un totale di 60 scatole.

Prima di Pizza Box Party sarebbe stato possibile ma macchinoso per un utente acquistare diverse tipologie di scatole per provarle.

Nello specifico il prodotto prevede:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

15 Scatole Dove Vuoi So Green So Good

15 Scatole 33×33 DOVE VUOI PIZZA

15 Scatole Vaschetta in PET metallizzato

15 Scatole PIZZA 26×26

Il progetto è in una fase beta in cui viene sponsorizzato esclusivamente attraverso Facebook e il prodotto può essere acquistato esclusivamente attraverso una landing page dedicata (non è a catalogo nel sito).

Targetizzando al meglio Facebook poi abbiamo concentrato gli sforzi su un pubblico di Pizzaioli/Pizzerie

Quali sono i benefici di questo progetto?

– Far conoscere con una comunicazione differente il marchio Dove Vuoi

– Dare la possibilità con un prezzo accessibile la prova di 60 scatole differenti per utilizzo

– Il cliente nuovo è più propenso all’acquisto

– La possibilità di rendere quelli che sono inizialmente “clienti prova” in clienti ricorsivi nel futuro.

Attraverso questo caso abbiamo dimostrato come la gestione online e la ricerca di incrementare le vendite possa avvenire solo nella misura in cui ci sia la giusta flessibilità ed inventiva che non sono per forza legate all’ambito di gestione Adwords, Social, SEO, ecc. Il nostro Know How ci permette di saltare schemi legati esclusivamente alla gestione ma che invece sono connessi a situazioni di problem solving per il raggiungimento degli obiettivi.

 

 

Federico C.